GRAZIE DI CUORE…

f003-100x140

La mostra “La Città Fantasma” è terminata Domenica 9 Ottobre, l’allestimento è stato smontato ma credo che il fantasma continuerà ad aleggiare sulla città per molto tempo ancora.

La foto che ho scelto per questo articolo era stata messa all’ingresso della mostra in formato 100×140 ed è stata la prima a essere smontata, non per mia volontà ma perché qualcuno ha pensato bene che stesse meglio a casa sua che su quel muro.

Mi sembra indicativo chiudere questa mostra con una fantasma rubato, quasi un paradosso che sembra chiudere in maniera perfetta il senso di quello che volevo trasmettere.

Voglio ringraziare tutti quelli che sono venuti a visitare la mostra che ha collezionato circa 700 presenze, un numero pazzesco secondo me.

Ringrazio tutte le persone che mi hanno aiutato e ringrazio il sindaco per avere apprezzato a tal punto le mie immagini da averne acquistata una.

Un ringraziamento particolare va alla città di Tivoli che ha accolto a braccia aperte la mia visione appoggiando il mio punto di vista nonostante fosse piuttosto scomodo; devo dire che mi sono sentito accolto e, al di la del fiume di complimenti ricevuti, ci sono stati episodi dove le persone se ne sono andate via con gli occhi lucidi e li ho capito che le mie immagini erano arrivate in profondità.

Per chi fa fotografia arrivare al cuore è l’unico vero scopo e grazie alle testimonianze di molti so di essere riuscito nel mio intento.

Grazie a tutta la città di Tivoli.

Annunci

FOTOGRAFARE UN NON LUOGO…(La Città Fantasma)

_mg_6526a

Questa immagine fa parte del mio lavoro fotografico esposto a Tivoli (in vicolo dell’erbe ex Chiesa San Michele) intitolata “La Città Fantasma”. La mostra è alla sua settimana finale e in occasione dell’ultimo week end del 7-8-9 Ottobre farò in modo di proiettare tutte le immagini scattate da aggiungersi alle 23 esposte in sala in forma di stampa.

Devo dire che la mostra ha avuto un grande successo di pubblico e anche le persone che mi hanno voluto parlare, o di persona o attraverso commenti sul libro delle firme che mi accompagna ad ogni mostra, mi hanno fatto molti complimenti sia per l’idea che per la realizzazione. Conscio del fatto che chi non ha apprezzato probabilmente non mi ha detto nulla direttamente, tendo a vedere la mostra come un evento positivo con un messaggio che è ben arrivato alla maggior parte delle persone.

Il messaggio sociale dietro la mostra è arrivato forte e chiaro ma quello che nessuno, o quasi, ha colto della mia mostra è la vera essenza di quello che io volevo fotografare.

Io non volevo fotografare Tivoli.

Così come quando faccio un paesaggio difficilmente fotografo un luogo e come quando fotografo una persona difficilmente fotografo la sua personalità.

A me interessano i non luoghi e Tivoli in questa mostra è un “non luogo”.

Quello che  ho fotografato( o tentato di fotografare) è la mia sensazione mentre guardo Tivoli.

Tanti più bravi di me hanno già fotografato Tivoli e la sua storia, migliaia di documenti fotografici affollano gli archivi di Tivoli, che senso avrebbe avuto fare dei documenti?

Io credo in tutto ciò che non ha forma ma che si manifesta nella forma, Il grande maestro Mimmo Jodice dice di fotografare i suoi pensieri, io cerco di fotografare le mie sensazioni, quelle che sono prima del pensiero, quelle che arrivano addosso senza un gran senso e senza una definizione.

Tutte le definizioni che si danno poi servono alla comunicazione terrena ma nulla può parlare di più di un’immagine quando si tratta di sensazioni.

Volutamente metto lo scatto a mio parere meno riuscito, quello dove compaiono le macchine parcheggiate, l’unico della serie dove compare vita umana, così tanto per ricordare a me stesso che la forma nella quale si manifesta la sostanza è fondamentale per provare quelle sensazioni che io tento di immortalare.

UNA MENZIONE SPECIALE ALL’IPA CONTEST

schermata-2016-10-04-alle-14-37-10

Questa immagine fa parte del mio lavoro fotografico sull’anima dell’uomo ed è stata menzionata all’interno dell’IPA CONTEST nella categoria “People and portrait”. Vista l’importanza del concorso e il numero altissimo di partecipanti, mi andava di condividere con voi la gioia di questo risultato.

I CONSIGLI IN FOTOGRAFIA E FACEBOOK.

_ON_7794

Dare e ricevere consigli in fotografia è sempre qualcosa di delicato.

La fotografia, chissà perché, finisce sempre per creare identificazione tra immagine fotografata e fotografo.

Questo, a mio parere, crea disagi inutili sia alla fotografia che al percorso che un fotografo fa nella sua crescita personale.

Quando una persona è preoccupata più di essere bravo in qualcosa che di imparare, molto spesso non ha una reale motivazione nel fare quello che fa se non in quella di alimentare il suo ego.

Facebook, ma non solo, è un’arma fortissima a questo proposito perché non fa altro che fare in modo che le persone ricerchino il consenso che di solito corrisponde a mostrare qualcosa che tutti possono comprendere e che spesso corrisponde a un’immagine banale.

Se un persona fotografa un cagnolino che gioca probabilmente riceverà tantissimi like solo perché il soggetto rievoca in noi sentimenti piacevoli, difficilmente si farà caso all’immagine in se.

Diciamo che questo discorso legato alla fotografia, quando parliamo di facebook in particolare, può anche essere fuori luogo visto che a molti non interessa di fare immagini significative e magari aspira solo a far conoscere il proprio cagnolino e a prendere dei like.

Diverso è quando si ha un gruppo dove si tenta di dare consigli di fotografia, allora la cosa si complica, perché si finisce quasi sempre per essere fraintesi sopratutto se si pone l’accento sugli errori e si enfatizza poco lo scatto ben fatto.

Nel mio gruppo di fotografia tendo sempre a commentare gli errori perché credo che siano quelli insegnare, sia all’autore della fotografia che agli altri che seguono, le regole basi dell’immagine fotografica.

Purtroppo spesso le persone si offendono perché,abituate al like facile, magari convinte di avere fatto delle immagini particolarmente belle, oppure perché non ritengono abbastanza autorevole chi le critica, finiscono per smettere di postare foto non avendo appagato le proprie aspettative egoiche ed essendosi demoralizzate.

Credo che chiunque sia realmente intenzionato ad imparare a fotografare deve imparare l’autocritica e deve imparare a non offendersi se qualcuno gli fa notare degli errori, poi si può discutere di tutto ma di certo è molto difficile arrivare a un reale incontro comunicativo se qualcuno parte dal presupposto che quello che fa è stupendo a prescindere.

La fotografia può parlare di noi ma non siamo noi, l’identificazione è un errore colossale, così come lo è l’idea che se una cosa è complessa allora va abbandonata.

Nessuno in nessun ambito raggiunge buoni livelli se non è disposto a sacrificare tempo, fatica e il suo ego.

A tutti quelli che fanno parte del mio gruppo facebook “Consigli di Fotografia” voglio dire che il mio metodo è quello di fare critiche utili a tutti prendendo ad esempio alcune fotografie postate, oltre a inserire spesso link di grandi fotografi che vi consiglio di andare a vedere. Chiunque si offenda per una mia critica può tranquillamente evitare di mettere immagini ma lo invito a chiedersi cosa lo spinge a fotografare; se cerca consenso allora forse è meglio che non si avventuri nell’imparare ma continui a utilizzare la fotografia come meglio crede sul suo profilo. Grazie

COSA NON FOTOGRAFARE?

_MG_7850Leggevo un articolo, credo ironico, di Settimio Benedusi su cosa non fotografare.

In pratica è una specie di elenco sugli stereotipi in fotografia, almeno quelli che lui ritiene tali.

Questa è la lista che lui fa:

-città riflessa nelle pozzanghere

-luoghi abbandonati

-gattini

-tramonti (albe sì, tramonti no)

-bambini neri

-maschere veneziane

-mare, fiumi e cascate con acqua effetto mosso setoso

-vecchietti che camminano da dietro in bianco e nero

-tipe a letto alla pecorina con le mutande abbassate

-sè stessi allo specchio con la macchina fotografica in mano

-mendicanti

-qualsiasi palazzo fotografato con il grandangolare e le linee cadenti storte

-gabbiani

-Venezia

-musicisti che suonano e cantano in concerto

-vecchi sdentati del terzo mondo che ridono. ma anche che non ridono.

-manichini nudi

-artisti di strada

-filari di alberi

-girasoli

-cuccioli di qualsiasi tipo e razza

-tipa che finge di avere un orgasmo (fingono sempre)

-tipa con tanti tatuaggi

-tipa con tanti tatuaggi che finge di avere un orgasmo figuriamoci

-tipa vicino a una finestra

-tipa con tanti tatuaggi che finge di avere un orgasmo fotografata vicino a una finestra ciao proprio

-tipa con i tacchi a spillo a letto

-tipa con le lentiggini siamo lì per aver rotto il cazzo pure lei

-sposi con il grandangolare dal basso

-cibo

-ballerini

-macro fotografia di qualsiasi cosa

Ben conscio del fatto che questa sia una provocazione, e ben conscio del fatto che spesso esista un’idea ciclostilata di fotografia, credo che sia un modo di approcciare all’idea di immagine quantomeno semplificata ( e questo Benedusi lo sa benissimo).

Partiamo col dire che una fotografia singola può certo passare alla storia ma difficilmente nasce e muore da sola, nel senso che un fotografo tende a fare un discorso fatto di immagini e quindi spesso le foto che diventano famose sono parte di un reportage lungo, piuttosto che di un lavoro concettuale o altro.

Questo per dire che chi approccia alla fotografia scattando a tutto quello che ritiene bello e che, il più delle volte appaga il suo ego, sta attraversando una fase importante della sua storia di fotografo, quello di provare a capire chi è, ma certo ancora non utilizza la fotografia per quello che è, un linguaggio.

In questo senso va bene scattare a tutto, w i tramonti e i riflessi, tutto fa gioco in quella fase.

Va bene pure sentirsi un grande fotografo in modo di arrivare a quel fatidico giorno in cui la mortificazione del rendersi conto di non aver capito nulla della fotografia farà da crocevia nella propria”carriera”.

C’è chi lascerà la reflex in un cassetto preferendo vivere il sogno illusorio dei suoi passati “successi” di pubblico, e chi prenderà la lezione come la miglior cosa mai accadutagli, continuando a fotografare e a migliorarsi.

L’Articolo di Benedusi, per quanto divertente, a mio parere è fuorviante per chi comincia, ma anche per chi fotografa da anni, perché trascura l’argomento principe, cioè che la fotografia è un linguaggio che serva per comunicare.

Se uno scrittore per comunicare qualcosa deve usare spesso la parola “amore” e lo farà in funzione del discorso che sta facendo, non si preoccuperà del fatto che la parola “amore” è inflazionata, ma la userà per uno scopo.

Diverso è scrivere una poesia che dice “Sole cuore amore” allora forse c’è qualcosa da rivedere, sempre ammesso che chi sta imparando a scrivere proverà una forte eccitazione il giorno che riuscirà a scrivere “Sole cuore amore” per intero.

Non serve originalità nell’interpretare Venezia, e non serve la distruzione dello stereotipo, serve “AVERE QUALCOSA DA COMUNICARE”

Se io voglio fare un ode al Sole scatterò 1000 tramonti e sarà una poesia al Sole, ma non farò del Sole un singolo tramonto…